La chiarezza di uno sguardo nuovo

Ciò che vedete come "normale" nel vostro impianto potrebbe non essere ottimale

Due operatori che ispezionano il lato di un nastro ThermoDrive e i pignoni

Trascorrendo abbastanza tempo in un luogo, l'impressione di ciò che è ideale, normale o persino accettabile tende a evolversi. Potreste rendervi conto che qualcosa non va o deve essere sistemato. Ma dopo mesi o anni di convivenza, cominciate a credere: "Questa è la realtà."

Ciò che accade nel vostro impianto è lo stesso.

"È molto comune nella produzione alimentare che quando si vede qualcosa ogni giorno, se ne diventa immuni", afferma Edwin Román Rivera, Food Safety Specialist di Commercial Food Sanitation (CFS). "È così da anni. Perché dovrebbe cambiare?"

Sentiamo inoltre che i clienti sono a conoscenza di un particolare problema, ma non cercano una soluzione per paura che sia costosa, dispendiosa in termini di tempo o entrambe. Bene, abbiamo buone notizie.

I nostri esperti hanno trascorso migliaia di ore all'interno di impianti di lavorazione degli alimenti in tutto il mondo. Hanno visto molto. Ciò che hanno scoperto è che spesso le soluzioni più semplici possono evitare conseguenze più costose.

Lo "sguardo nuovo" di qualcun altro può fornire una visione obiettiva e attingere da esperienze che voi e il vostro team potreste non avere.

Ecco quattro suggerimenti da seguire per vedere il vostro impianto sotto una nuova luce.

Cambiate prospettiva

Letteralmente. Piegatevi e controllate la zona inferiore dei trasportatori. Sollevate i nastri. Guardate nei punti più insoliti. È facile concentrarsi su ciò che ci si trova davanti. Ma le aree difficili da raggiungere sono quelle in cui i batteri possono proliferare. Assicuratevi di eseguire periodicamente un'ispezione approfondita per individuare le aree in cui è possibile migliorare la pulizia.

Uomo che si piega in avanti per ispezionare un nastro con una torcia

È anche importante ampliare lo sguardo. Sabrina Ferretti, Food Safety Specialist di CFS, nota un problema sconcertante che spesso riscontra durante le visite agli impianti: la normalizzazione degli sprechi di prodotto nel reparto di produzione.

"Ciò si traduce in una riduzione della produzione, un aumento dei requisiti di pulizia e una perdita di ricavi", afferma. Soluzioni come la sostituzione dei trasportatori, l'aumento delle protezioni laterali o la modifica delle tramogge possono generare notevoli guadagni finanziari per le aziende. "Al contrario, il contenimento dei prodotti all'interno delle attrezzature e della relativa confezione finale produce maggiori ritorni finanziari e prezzi ridotti per il consumatore."

Evitate di utilizzare articoli artigianali 

"Sono rimasti a bocca aperta", afferma Román Rivera. Durante una visita all'impianto per valutare il programma di sanificazione di un cliente, ha scoperto che i rulli erano stati realizzati dal personale addetto alla manutenzione utilizzando tubi cavi in PVC. "La leadership ne era completamente all'oscuro finché non l'abbiamo notato insieme durante la fase pre-operativa."

Sebbene questa modifica interna sostenesse bene il nastro, una soluzione migliore (rulli pieni) realizzata con il materiale giusto (peso molecolare ultra elevato) era facilmente ottenibile. Nel corso del tempo, i tubi cavi in PVC avrebbero creato siti di proliferazione a causa dell'umidità e dell'accumulo del prodotto che avrebbero potuto contaminare il flusso di produzione del cliente.

È molto comune nella produzione alimentare che quando si vede qualcosa ogni giorno, se ne diventa immuni.

Edwin Román Rivera
Edwin Román Rivera
Food Safety Specialist di Commercial Food Sanitation

Cos'altro? I dipendenti dell'impianto sono molto ingegnosi e abbiamo visto contenitori in plastica utilizzati per sostenere i nastri, dispositivi di spruzzatura artigianali che non sono angolati correttamente, alberi con fascette stringitubo fissati accanto ai pignoni e l'elenco continua. Le soluzioni a breve termine in genere comportano rischi lungo la linea. Rivolgetevi al vostro partner di trasporto: probabilmente ha una soluzione conveniente, facile da implementare e immediatamente disponibile.

Procedete per gradi 

Se c'è una cosa che ogni produttore di alimenti cerca di evitare, è la contaminazione da materiale estraneo. La sfida sta nel fatto che può verificarsi in molti modi. Che si tratti di bulloneria del trasportatore, materiali di imballaggio o altro, la presenza di corpi estranei è solitamente il sintomo di un problema più ampio.

Potrebbe essere causata da mancanza di manutenzione, procedure di sanificazione inadeguate o da un design poco igienico. In questo caso, un punto di vista diverso può davvero aiutare a determinare il problema.

"Cerchiamo di procedere per gradi per arrivare alla radice del problema, piuttosto che trattare semplicemente un sintomo", afferma Anthony Sekulov, Food Industry Team Leader per Intralox Australia and New Zealand. "E non vogliamo sono individuarlo, ma anche aiutare i nostri clienti a capire perché è successo onde evitare che si ripeta."

"C'è un detto che usiamo", afferma Sekulov. "Vendiamo conoscenze e le mescoliamo con un po' di plastica." Questo è ciò che in definitiva aiuta i nostri clienti a produrre alimenti sicuri."

Diagramma circolare raffigurante un orologio, un punto esclamativo e degli attrezzi

Le aziende del settore alimentare che rimangono sempre vigili possono evitare un circolo vizioso che inizia con nastri danneggiati che comportano il rischio di contaminazione da materiale estraneo con conseguenti tempi di inattività non pianificati.

Fate affidamento sui vostri partner 

Mike Lavalle, Corporate Account Manager Intralox per Bakery & Snack, ricorda un cliente di lunga data che ha chiesto aiuto per un problema insolito che non aveva nulla a che fare con i nastri.

"La produzione era ai massimi livelli, il che costringeva l'azienda di prodotti da forno a eseguire le proprie attività 24 ore su 24", afferma Lavalle. "Questi tempi di esecuzione prolungati riducevano i tempi da dedicare alla manutenzione e alla sanificazione. I clienti cominciavano a lamentarsi della presenza di muffa prematura in alcuni prodotti e l'azienda aveva bisogno di aiuto."

"Abbiamo coinvolto CFS che, dopo aver trascorso qualche giorno nell'impianto, ha scoperto che la causa all'origine del problema era l'eccessiva umidità in alcuni punti della linea", ricorda. "CFS ha quindi fornito all'azienda diverse raccomandazioni per risolvere il problema."

Suggerimento del team Intralox: prima di acquistare un'attrezzatura costosa, rivolgetevi a un esperto di progettazione igienica per assicurarvi che sia facilmente accessibile per una corretta pulizia.

Un fornitore medio di nastri probabilmente non sarà in grado di aiutarvi a risolvere problemi non comuni. Trovate un partner con cui instaurare un rapporto di fiducia. In questo modo avrete degli esperti a cui rivolgervi quando si presenteranno problemi anche indecifrabili.

Tutti cadiamo nella routine. Il trucco sta nel tenere sotto controllo il vostro impianto, il vostro team e i partner di cui vi fidate. In questo modo potete essere proattivi ed evitare le emergenze nate da un falso senso di "normalità". Dopo tutto, la posta in gioco è alta.

Per avere un parere obiettivo dei nostri esperti del settore sulla vostra attività, contattate il Servizio clienti Intralox.


Notizie e approfondimenti