Massima durata dei nastri

Come ottenere la compatibilità materiale-sostanza chimica durante la pulizia per prolungare la durata del nastro

Test chimico sul nastro con mani con guanti

In un articolo precedente, abbiamo trattato i fattori chiave nella scelta del materiale corretto per i nastri trasportatori destinati a un uso alimentare. In particolare, i nostri esperti hanno preso in considerazione le condizioni a cui i nastri sarebbero sottoposti durante la produzione. 

Ma cosa succede durante la pulizia e la sanificazione? 

La scelta del materiale del nastro in base al prodotto, all'applicazione e all'ambiente è solo la prima parte dell'equazione. Una volta installati e messi in funzione i nastri idonei, si potrebbe comunque facilmente danneggiare il relativo materiale con agenti detergenti errati. 

E se questo non vi sembra così grave, considerate quanto segue: l'uso di sostanze chimiche (o concentrazioni chimiche) incompatibili con il materiale del nastro trasportatore può comportare i rischi peggiori per la linea di lavorazione. Tra questi figurano la contaminazione da materiale estraneo, lo scarto di prodotti, i tempi di inattività non pianificati, l'aumento dei costi dovuto a sostituzioni più frequenti del nastro e persino il ritiro. 

Possibili azioni 

Per scoprirlo, ci siamo rivolti agli esperti del reparto Product Stewardship, un gruppo altamente specializzato presso Laitram* che offre informazioni, indicazioni e servizi gratuiti che i nostri clienti potrebbero non conoscere.

Infografica sulla gestione dei prodotti

Il reparto Product Stewardship di Laitram comprende un gruppo unico di specialisti con un'ampia varietà di responsabilità, tra cui test chimici e verifica di compatibilità.

Comunicare con il personale addetto alla sanificazione

Grazie all'esperienza sul campo e alle conversazioni con i nostri clienti sappiamo che le operazioni di pulizia e sanificazione vengono in gran parte affidate ad aziende terze specializzate in grandi strutture di lavorazione degli alimenti. Se il vostro impianto si avvale di addetti alla pulizia esterni, assicuratevi di comunicare regolarmente con loro. 

"In molti casi, c'è discordanza tra le operazioni che il team dirigenziale dell'impianto pensa si stiano eseguendo e le attività che gli addetti alla sanificazione stanno effettivamente svolgendo", afferma Evan McSpadden, Chemical Specialist del reparto Product Stewardship di Laitram. "Ad esempio, abbiamo visto casi in cui gli addetti alla sanificazione hanno modificato la concentrazione chimica utilizzata senza che l'azienda ne fosse al corrente". 

La soluzione è semplice: comunicate regolarmente con la società terza di servizi di sanificazione, chiedete quali detergenti chimici sta utilizzando e a quali concentrazioni e assicuratevi che siano compatibili con i vostri nastri critici a contatto diretto con gli alimenti.

Suggerimento del team Intralox: se si fa attenzione a garantire la compatibilità tra detergenti e materiali dei nastri, la resistenza chimica può superare di gran lunga la durata utile del nastro.

Perché "più" non sempre è sinonimo di "migliore" 

Gli addetti alla sanificazione spesso utilizzano sostanze chimiche in modo improprio o eccessivo per pulire rapidamente i nastri. Potrebbero persino credere che in qualche modo, facendo "di più", i nastri si puliscano meglio e più velocemente. Ma ciò può avere effetti negativi, in particolare in presenza di materiali meno resistenti agli agenti chimici. Di seguito sono riportati alcuni esempi che dimostrano come l'impiego eccessivo di prodotti non rappresenti necessariamente la soluzione migliore per la manutenzione dei nastri: 

  • Concentrazione: si consiglia di utilizzare sostanze chimiche alle concentrazioni più basse più efficaci per l'applicazione. 
  • Temperatura: per ogni 10 °C di incremento della temperatura della sostanza chimica per la pulizia si raddoppia il suo effetto, con conseguente concentrazione più elevata. 
  • Sovrapposizione di prodotti contenenti acidi: l'uso di più sostanze chimiche contenenti acidi durante un'applicazione non sempre è efficace e può causare danni strutturali e alle apparecchiature. 
  • Alternanza: la rotazione regolare delle sostanze chimiche per la sanificazione potrebbe non essere necessaria o utile. 

Assicuratevi che la vostra struttura adotti buone procedure di sanificazione standard (SSOP) e che il personale le stia seguendo costantemente. Si tratta di un accorgimento importante per prolungare la durata dei nastri e, in ultima analisi, garantire la sicurezza del prodotto.

I fornitori di prodotti chimici non sono esperti di compatibilità con i nastri trasportatori. Si concentrano sul modo in cui le loro sostanze agiscono sui microrganismi, mentre noi ci focalizziamo sul modo in cui i detergenti chimici interagiscono con i comuni materiali dei nastri per aiutare le aziende a prolungarne la durata.

Evan McSpadden
Evan McSpadden
Chemical Specialist del reparto Product Stewardship di Laitram

Cosa cercare 

Di seguito sono riportati alcuni segnali comuni e visibili che indicano che il materiale di un nastro è incompatibile con un detergente chimico: 

  • Sfarinatura (sbiancamento) della superficie del nastro 
  • Crepe 
  • Avvallamenti 
  • Sfaldamento 
  • Formazione di bolle 
  • Scolorimento 
  • Rigonfiamento 
  • Fragilità 

Anni fa, una grande azienda di lavorazione della carne ha iniziato a notare crepe sui nastri. Dopo aver ricevuto un campione del nastro da testare, abbiamo scoperto che era completamente ricoperto di acido fosforico, un comune prodotto chimico per la pulizia. 

"I nastri in acetal del cliente erano incompatibili con la sostanza chimica utilizzata dal personale addetto alla pulizia e alla sanificazione", afferma Gloria Bowman, Manager del reparto Product Stewardship presso Laitram. "Questo caso ha spinto il mio team a elaborare una guida di una pagina sulla compatibilità chimica rivolta alle aziende operanti nella lavorazione di carne e prodotti avicoli e ittici".

Miniatura linee guida sulla compatibilità chimica per carne e prodotti avicoli e ittici

Linee guida sulla compatibilità chimica per carne e prodotti avicoli e ittici

Ecco un pratico grafico che può essere scaricato, condiviso e utilizzato nel vostro impianto di carne e prodotti avicoli e ittici per avere un'idea generale della compatibilità dei materiali dei nastri utilizzati di frequente con i comuni detergenti chimici o disinfettanti.

Scarica il PDF

La pulizia non è nemica della produzione. 

Le aziende addette alla lavorazione cercano sempre di aumentare i tempi di produzione e ridurre i tempi di pulizia tra un processo e l'altro. Ha senso: un processo è redditizio, l'altro costoso. 

Tuttavia, le corse per ridurre i tempi di pulizia mediante l'uso eccessivo o improprio di sostanze chimiche per combattere gli agenti patogeni a trasmissione alimentare possono avere un prezzo elevato. 

"Se il personale avesse a disposizione un po' più di tempo per pulire correttamente", afferma McSpadden, "potrebbe ridurre l'uso di sostanze chimiche, limitare i tempi di inattività necessari per ispezioni di qualità e rilavorazioni, ridurre al minimo i danni al nastro, contenere il rischio di contaminazione da materiale estraneo e prolungare la durata del nastro". 

*Intralox è una società controllata di Laitram.

Per domande sulla compatibilità chimica o per inviare un campione di nastro per il test, contattare il supporto tecnico Intralox.


Notizie e approfondimenti